AGGIORNAMENTI DALL'OLANDA: IL TRIBUNALE DI UTRECH RESPINGE LA RICHIESTA DI CENSURA



Oggi, per chi legge, 23 gennaio 2020, è stato discusso qualche ora fa in un'aula di tribunale a Utrecht la richiesta della Chiesa dei Testimoni di Geova di non pubblicare il rapporto fatto dalla università della stessa città su come vengono trattati gli abusi sui minori all'interno della Organizzazione. Tale rapporto  e la precedente inchiesta era stata commissionata nel 2018 dal Ministro della Famiglia a causa delle fondate notizie che provenivano da indagini giornalistiche fatte all'interno della confessione religiosa che squarciavano un velo di omertà legato alla segretezza mantenuta attorno a pedofili seriali che mettevano in serio pericolo l'infanzia.
Di seguito la traduzione dalle pagine di NOS e NRC.NL
Buona lettura, vostro Corrado

NOS, 23 gennaio:

I Testimoni di Geova giudicati duramente sulla gestione interna degli abusi

I membri dei Testimoni di Geova che hanno dovuto affrontare abusi sessuali all'interno della comunità religiosa di solito non riferiscono alla polizia e sono prevalentemente negativi sulla gestione interna dell'abuso. Questa è la conclusione di uno studio dell'Università di Utrecht sulla volontà di denunciare le vittime di abusi nei Testimoni di Geova.

Un totale di 751 persone hanno riferito ai ricercatori, 292 con esperienze personali e 459 con segnalazioni di abusi accaduti a un'altra persona. Solo un quarto di loro alla fine l'ha denunciato alla polizia. In quasi la metà di tutti i casi di abuso segnalati è stato l'incesto.

Coloro che hanno segnalato l'abuso sessuale solo a genitori o anziani all'interno della comunità hanno dato alla gestione un punteggio medio di 3,3, (su 10) scrivono i ricercatori. I partecipanti allo studio danno la colpa all'approccio insoddisfacente, alla cultura chiusa dei Testimoni di Geova. Gli anziani sono concentrati sul mantenere unita la comunità e sono pronti a conciliare l'abusatore e la vittima. Inoltre, l'assistenza post-trauma per la vittima di abusi rimane negativa.


Scioccante


Il ministro della Giustizia, Dekker, ritiene che il quadro delineato nel rapporto sia "estremamente preoccupante". "Le vittime si sentono insufficientemente ascoltate, ignorate, stigmatizzate e isolate", ha scritto alla Camera bassa. Chiama le conclusioni scioccanti. Il ministro parlerà al consiglio delle misure che la comunità deve prendere al loro interno.

Gli autori del rapporto di indagine consigliano al governo, tra le altre cose, di obbligare legalmente i Testimoni di Geova, ma anche altre organizzazioni, a rivolgersi alla polizia per sospetti o notizie di abusi sessuali.


Ordinata la divulgazione


All'inizio di questo pomeriggio, la corte di Utrecht ha stabilito che il rapporto può essere reso pubblico. Con tale decisione, il giudice ha respinto la richiesta della comunità religiosa di non pubblicare il rapporto di indagine.

In una risposta, i Testimoni di Geova affermano che la comunità si prende cura delle vittime e offre assistenza pastorale da anni. Il rapporto è discriminatorio, secondo i Testimoni di Geova, perché si concentra solo su un'organizzazione e ignora le altre comunità religiose. Il consiglio mette anche in discussione le basi scientifiche della ricerca.

Gli ex Testimoni di Geova che si sono uniti nella lotta contro le pratiche della comunità di fede affermano di essere sollevati dal fatto che il rapporto sia stato reso pubblico. Tuttavia, rimangono preoccupati che i Testimoni di Geova "non vedono ancora la gravità del problema".

Fonte: https://nos.nl/artikel/2319881-misbruikte-jehovah-s-getuigen-oordelen-hard-over-interne-afhandeling.html


NRC.NL


"Durante il servizio in chiesa mi mise le dita sotto la gonna e il maglione"

Testimoni di Geova Centinaia di bambini sono stati vittime di abusi sessuali all'interno dei Testimoni di Geova. L'abuso è stato coperto. "Se il" peccatore "si pente, il caso è chiuso."

Patricia Veldhuis
23 gennaio 2020 alle 16:28
Tempo di lettura 5 minuti

Il rapporto sugli abusi dei testimoni di Geova potrebbe essere reso pubblico, ha deciso giovedì il giudice. 
Ex testimoni di Geova Henri Dahlem (a sinistra) e Marianne de Voogd (a destra).
Foto Olivier Middendorp
Il rapporto sugli abusi dei testimoni di Geova può essere reso pubblico, ha deciso giovedì il giudice.  
È iniziato quando Marianne de Voogd aveva undici anni. Si sedette a casa dell'anziano con altri bambini della sua chiesa di Geova. "Siamo venuti spesso lì dopo il servizio in chiesa", dice. "Per chiacchierare o fare marmellata." Si sedette accanto a lei per pranzo. “Abbiamo tenuto le mani per pregare. Ha iniziato ad accarezzare l'interno della mia mano con un dito. Ricordo di aver pensato che fosse molto strano. Nessuno l'ha visto, perché abbiamo tenuto gli occhi chiusi mentre stavamo pregando. "Spesso sedeva accanto a me sul retro della chiesa. Durante il servizio, mi strofinò le mani sulla gamba e mise le dita sotto la gonna e il maglione. Aveva in mano una grande Bibbia, in modo che nessuno vedesse nulla ".

La sua storia è una delle centinaia di storie di bambini vittime di abusi sessuali all'interno dei Testimoni di Geova, Paesi Bassi, una comunità cristiana con circa trentamila membri. Giovedì, il tribunale di Utrecht ha deciso che potrebbe essere pubblicata un'indagine su questo abuso. Testimoni di Geova I Paesi Bassi volevano impedire la pubblicazione con procedimenti sommari .

Lo studio di Kees van den Bos, professore di scienze sociali e psicologia all'Università di Utrecht, commissionato dal Ministero della Giustizia e della Sicurezza, è partito in seguito agli articoli  pubblicati sul giornale Trouw e da una mozione dalla Camera bassa per determinare l'entità degli abusi .


Abuso dietro i cespugli


Marianne de Voogd ha dovuto andare regolarmente con il suo anziano nel "servizio di campo": di porta in porta, conquistare anime, dice alla corte di Utrecht, dove il procedimento sommario si è svolto a porte chiuse mercoledì. "Ha ispezionato i dintorni, tra le fattorie. Lungo la strada mi ha tirato dietro i cespugli e poi è iniziato. Bacio alla francese, brancolando, pizzicando ovunque, toccando ovunque. Ho dovuto farlo anche a lui. Voleva insegnarmi come trattare con i ragazzi più tardi. Ma ero una bambina. Non avevo nemmeno il reggiseno. "

Non osavo dire nulla. Non contro di lui. Non contro i suoi genitori. "Ero pietrificata. Era il più importante! Un uomo di prestigio nella nostrcomunità. Era impensabile che osassi andare contro di lui. Inoltre diceva sempre: "nessuno ti crederà" e "se dici qualcosa, ti succederanno cose brutte".

De Voogd, che è stata fuori dalla chiesa per anni, era "la terza generazione di Testimoni di Geova". I suoi nonni erano già membri. La chiesa ha fatto a pezzi la sua famiglia, dice. Sua madre e suo fratello sono ancora membri attivi e osteggiano la sua lotta aperta contro gli abusi. "Mio fratello dice: anche nel club sportivo i bambini vengono maltrattati. Sì, dico, ma loro chiamano la polizia".


Dio risolverà tutto


Ovvero, gli ex testimoni di Geova in tribunale mercoledì pomeriggio dicono che è forse il peggio: non l'abuso in se stesso, ma il modo in cui viene affrontato all'interno delle mura della chiesa.

La fondazione Reclaimed Voices, punto di denuncia delle vittime di abusi con i Testimoni di Geova, ha ricevuto oltre trecento segnalazioni l'anno scorso. Hanno molte somiglianze, afferma il presidente Raymond Hintjes. "Uno: la vittima viene messa sotto pressione per non parlare dell'abuso. Due: nessun aiuto professionale è richiesto. E tre: è la parola della vittima contro quella dell'autore. Lo mettiamo nelle mani di Geova, dicono gli anziani. In altre parole: Dio lo risolverà ".

Se un caso dovesse emergere, verrà deliberatamente fermato e gestito internamente sulla base delle proprie procedure religiose, aggiunge Aswin Suierveld. È teologa e membro del consiglio di amministrazione di Reclaimed Voices. "Ciò significa in pratica che sono necessari due testimoni. E che la persona che la abusa è vista come un "peccatore", non un criminale. Se non si pente, segue l'esclusione e deve lasciare la chiesa per mantenerla pulita. Se mostra pentimento, allora è di nuovo sulla strada giusta e il caso è chiuso. ”


"Marianne è una cattiva compagnia"


Questo è avvenuto anche quando sono venuti alla luce gli abusi di Marianne de Voogd. "L'anziano si pentì e non fu disassociato." La De Voogd continuò ad incontrarlo in chiesa fino a quando non fu disassociata diciassettenne perché avrebbe fatto sesso con il suo ragazzo. "C'è stata una chiamata dal comitato giudiziario. Dovevo venire e mostrare pentimento. Ma non potevo farlo, dopo che tutto era successo. Inoltre, non avevo nemmeno fatto sesso con il mio ragazzo. "

Fui chiamata ad un incontro successivo: "Marianne è una cattiva compagnia". De Voogd: "Ho dovuto andarmene".

Geova ha il proprio sistema legale. Due anziani esaminano se una denuncia ha prove sufficienti. Sono necessari due testimoni per accusare qualcuno. Se ci sono prove sufficienti, una commissione giudiziaria di tre anziani determinerà dopo una conversazione se la persona sia pentita. In caso contrario, seguirà la disassociazione, in tal caso verranno date alcune restrizioni: ad esempio, non poter pregare durante una riunione. Se non ci sono prove sufficienti, viene fatta una nota che viene conservata in una busta sigillata nel caso in cui arrivino nuove prove.

Suierveld fu testimone di Geova per dodici anni. Anche lei rimase bloccata nella chiesa. "Ho sentito sempre più storie di abusi sessuali, ma non è stato fatto nulla al riguardo. Non ce la facevo più. "

La ricerca di Kees van den Bos (ndr: Università di Utrecht) sta minacciando la chiesa, afferma Suierveld. “A rigor di termini, l'abuso sessuale non si adatta al mondo della fede dei testimoni di Geova. Non c'è spazio per il male. Questa è la vera religione. La ricerca attenua quella credenza esistenziale. Ecco perché volevano interrompere la pubblicazione ".


Testimoni di Geova come famiglia adottiva


Henri Dahlem non esiste più per la sua famiglia. Lo dice con un sorriso sul volto, ma i suoi occhi non sorridono. Dahlem ha rotto con i Testimoni di Geova dieci anni fa. La sua infanzia è stata violenta. Fu messo fuori casa da bambino e finì con una famiglia affidataria di Testimoni di Geova a 4 anni. "La protezione dei bambini ha dormito", dice. "Quelle persone avevano una reputazione. Gli anziani erano ancora alla porta, ho sentito anni dopo. Dissero ai miei genitori adottivi: "Non puoi prenderti cura di un bambino". Ma i miei genitori adottivi dissero che era un incarico dato da Geova. E così era. "

Dahlem è stato sistematicamente maltrattato. "Botte, umiliazioni. La cosa peggiore era che tutti nella nostra comunità ecclesiastica lo sapevano e nessuno è intervenuto. ”Ecco perché oggi è in tribunale. “Dobbiamo impedire ad altri bambini nella comunità dei Testimoni di Geova di fare la stessa cosa. Siamo preoccupati per l'Islam e la loro Sharia nei Paesi Bassi, ma non facciamo errori: i Testimoni di Geova hanno si arrogano questo diritto. Con i loro comitati e sanzioni giudiziarie. Deve finire. "

Attraverso l'indagine e il procedimento sommario ritorniamo a Marianne de Voogd. "Lo sogno di nuovo. Mi fa così arrabbiare che la chiesa voglia fermare questa indagine. Non ci hanno mai protetto e ora ci gettano di nuovo la porta in faccia. "

Quindi, dice in maniera combattiva: "Ma sono ancora viva e sto bene. E attraverso questa indagine, i Testimoni di Geova non potranno mai più negare l'accaduto ".

fonte: https://www.nrc.nl/nieuws/2020/01/23/tijdens-de-kerkdienst-stak-hij-zijn-vingers-onder-mijn-rok-en-trui-a3987942

Commenti

  1. Signore e signori cala il sipario,é veramente la fine.....

    RispondiElimina
  2. Bene, molto bene, benissimo ! Adesso sarebbe bello avere una traduzione italiana di questa ricerca . E una copia da mettere in rete ad usum bethelitorum , così anche coloro che leggono questo blog nell'intimità della loro stanzetta alla Betel potranno avere materiale su cui riflettere. Ovviamente c'è anche chi legge questo e altri blog per mestiere su ordine dei vertici WTS che dovranno studiare le adeguate contromisure per reagire alla nuova situazione.
    Un' altra lezione di libertà dai Paesi bassi, terra di tolleranza e cultura , anche in epoche di oscurantismo
    dei secoli passati , cosa che la WTS ha sempre tanto sottolineato nelle sue riviste e pubblicazioni. Ebbene , cari TdG , la piccola Olanda non si è smentita e non ha messo il bavaglio alla ricerca. Veritas filia temporis !
    Marco B.

    RispondiElimina
  3. Capitan Harlock23 gennaio 2020 21:02

    Ecco finalmente un bel secchio di merda nel muso di quella gente. Bisognerebbe succedesse anche in Italia. Dovremmo cercare di portare avanti azioni del genere e far conoscere all'opinione pubblica anche il modo disumano in cui vengono trattati i disassociati, i mille modi in cui calpestano la dignità di una persona e i ricatti morali che questi devono subire. Essere un TdG per 30 anni è stato l'errore più grande che ho fatto.

    RispondiElimina
  4. Notizia dell'ultimissima ora, gli avvocati della società hanno deciso di proseguire per vie legali per cercare di dimostrare che la ricerca è sbagliata.

    Ottimo, così attireranno ancora più attenzione. Avanti così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viviano & Company23 gennaio 2020 23:50

      Gli avvocati della società wt in Olanda hanno deciso di proseguire per vie legali per cercare di dimostrare che la ricerca è sbagliata? Questo modus operandi davanti all'evidenza dei fatti accertati, si può considerare "reticenza" "voler occultare la verità "
      "voler coprire prove di colpevolezza" servendosi poi di legali perché non può fare altrimenti! . La società wt teme il giudizio dell'opinione pubblica perche si scopre che ha condannato il "mondo" per gli stessi peccati che lei stessa pratica?

      Elimina
    2. Interessante notizia. Puoi dare i riferimenti per le conferme?
      Grazie

      Elimina
    3. Confermo @Corrado, ne parla RTV drenthe qui: https://www.rtvdrenthe.nl/nieuws/156510/Jehovah-s-vinden-rapport-discriminerend-en-stappen-naar-rechter?fbclid=IwAR0cwwqzkpUgwkTiw-febFv7uKvc7ZrpqYIm0-1yCcxYwNFSqxbM3jRAyYM

      Elimina
  5. Tanto di cappello al giornalismo serio. Deve essere smontato tutto il sistema giudiziario interno dei testimoni di Geova, perchè contrario al sistema legislativo civile. Non è possibile che si ammetta una affermazione come: «la persona che la abusa è vista come un "peccatore", non un criminale!!» Io dico, ma cari testimoni di Geova, ma riuscite a dormire la notte con queste colpe e accuse sulla vostra organizzazione? Quanto pensate ancora di farla franca, mettendo a tacere le cosiddette malelingue e fonti sataniche, a cui attribuite dette pubblicazioni? Smettetela di insinuare che sia il mondo di satana a perseguitarvi. Queste sono invece giustizie umane, attraverso giudici, i quali secondo la Bibbia "portano la spada" e mirano a liberare poveri innocenti dalle grinfie di questa organizzazione mafiosa. I criteri ci sono tutti! Svegliatevi.

    RispondiElimina
  6. Pensatore 21 calma sembrano sempre che stanno per morire poi.... Capito no. Andtea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace essere catastrofista come loro….diciamo che hanno preso un bel gancio in faccia

      Elimina
  7. I testimoni di Geova non moriranno mai, sicuramente nel futuro ci saranno ancora degli irriducibili che predicheranno la fine del mondo ma saranno solo figure folkloristiche.
    Quello che però sta succedendo è che il rigagnolo di qualche anno fa sta diventando un fiume in piena e trascinerà via tutta la santocchieria con cui si sono avvolti negli anni.
    Ci saranno interessanti cambiamenti in futuro, all'interno e all'esterno della WTS, e sarà emozionante vedere come andrà a finire.

    RispondiElimina
  8. Hanno creato un bisogno, una dipendenza quindi la vedo ancora lunga per toglierci dai piedi questa Palla... la gente ha bisogno di droghe mentali come di quelle fisiche. Anche un certo Teofilo ci ha provato a crearne un'altra ...anche se le tanto di cappello nello smascherare la WCesse.
    Certo.. continuamo a fare tutto il possibile per scardinare le gabbie mentali a chi vogliamo bene..ma vincere qualche battaglia non significa vincere la guerra

    RispondiElimina
  9. Anziano Inattivo24 gennaio 2020 04:35

    I Tdg in modo particolare il loro Corpo Direttivo dei TdG , i Santoni che si sono autoproclamati Canale di Dio, sembrano i farisei che misero a Morte Gesù. cercano di coprire e nascondere chiudendo la Bocca a chi li smaschererà

    RispondiElimina
  10. Anche una certa potenza del passato, chiamata Babilonia sembrava "inespugnabile". Ma sappiamo che un certo Ciro fu nientemeno il braccio di Dio per adempiere il suo volere. Questo aveva a che fare con l'attacco e distruzione di questa potenza. Lo stratega persiano deviò le acque ed ecco la potenza babilonese resa inerme davanti alla potenza medo-persiana. Se Dio vuole, può togliere di mezzo qualsiasi potenza, seppure religiosa e con pretese divine. Il come, non sta a noi preoccuparci. Questa WTS, che a quanto pare "siede regina e non conosce lutto" in un batter d'occhio potrebbe arrivare la sua fine...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora la sta è davvero nella merda fino al collo,poi volevo inoltre ricordarvi che Amazon prime video ha qualcosa come 200 millioni di abbonati in tutto il mondo e il 7 e l 8 febbraio arriverà in TV qualcosa,per i tdg di pragonbile all asteroide che uccise i dinosauri...l inchiesta mondiale sul cover up degli abusi in tutto il mondo....mamma mia come non vorrei essere un tdg

      Elimina

Posta un commento

Lascia il tuo commento, se lo lasci in modalità anonima ricorda di mettere un nickname :-)