PERSECUZIONE DI SERIE C-ina


È di poche ore fa la soffiata del sito, affiliato ad Anonymous, JW LEAKS.
Sono stati pubblicati documenti che attestano l’arresto di 18 Testimoni di Geova in Cina, la bellezza di 3 mesi fa, senza che nulla sia stato detto di loro sui siti ufficiali dell’organizzazione.
È paradossale che i Testimoni di Geova debbano venire a sapere da un sito o da un blog come questo (che i loro dirigenti definirebbero “apostata”) notizie riguardanti i loro stessi fratelli di fede.
Tutto questo inoltre stride in modo plateale con la pubblicità che viene fatta alla persecuzione in Russia.
La situazione in Russia e in altri paesi, dove ci sono in ballo immobili dal valore di decine di milioni di euro, è per caso più importante di quella in Cina, dove invece la WTS non ha proprietà? I cinesi sono fratelli di una categoria inferiore? La loro persecuzione vale meno di quella degli altri?
Ancora una volta, emerge la vera natura della WTS.
Sperando di farvi comunque cosa gradita, ecco a voi la traduzione dell’articolo con il link all’originale in fondo.
Un abbraccio affettuoso 
Eliseo

__________
Crisi in Cina per i Testimoni di Geova - 18 membri incriminati
18 Testimoni di Geova incriminati di "usare un'organizzazione religiosa malvagia" in Cina
Invito aperto al Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova per denunciare  le azioni del governo e dei pubblici ministeri cinesi
Noi, Anonymous, chiediamo che il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova presti lo stesso grado di attenzione alla difficile situazione dei 18 Testimoni di Geova, incriminati in Cina in relazione all '"uso di un’organizzazione religiosa malvagia", come avete fatto in relazione alla situazione di Dennis Christensen , il rappresentante della Watch Tower Society in Russia.
Il 15 aprile 2019, un totale di 18 Testimoni di Geova in Cina sono stati arrestati e accusati di reati indicibili relativi a "usare un'organizzazione religiosa malvagia" per "incitare all'ostruzione delle forze dell'ordine" e un'accusa relativa a "ostruzione delle forze dell’ordine organizzando e usando un'organizzazione religiosa malvagia". Dopo gli arresti, il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova è rimasto in silenzio sulla situazione di questi 18 Testimoni di Geova in Cina.
Dal 15 aprile 2019, il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ha pubblicato 11 singoli articoli sul sito web JW.ORG, critici nei confronti del governo e dei pubblici ministeri russi, e il sostegno a Dennis Christensen e agli altri Testimoni di Geova in Russia che sono stati processati.
Il background 
15 aprile 2019 (Urumqi, Xinjiang). Le autorità nella regione nord-occidentale del Xinjiang in Cina hanno incriminato 18 persone per il fatto di essere Testimoni di Geova, sulla base di un documento di accusa formale del pubblico ministero.
Gli accusati sono Liu Weiguo, Lin Zaiwu, Li Yifang, Lin Jie, Jiang Xijun, Gao Xinlian, Wang Xiaoqing, Yu Bingru, Zhang Min, Jiang Jinling, Chen Meiling, Fan Tao, Wei Pengfei, Cao Lili, Ma Xiaojun, Yang Hua , Shi Xianhe e Xu Yanli. Tutti, tranne Jiang Xijun, sono stati accusati di avvalersi di una "organizzazione religiosa malvagia" per incitare l'ostruzione delle forze dell'ordine, e Jiang ha ricevuto una denuncia per presunta "ostruzione delle forze dell'ordine organizzando e usando un'organizzazione religiosa malvagia".
Le accuse mostrano che gli imputati hanno violato i regolamenti di gestione religiosa istituendo una congregazione a Korla, nello Xinjiang, e convertendo 63 persone, oltre alle accuse di "diffondere superstizione ed eresia" e impedire alle persone di aderire alle organizzazioni del Partito Comunista.
Le accuse
Tutte le accuse sono state proposte ai sensi dell'articolo 300 del codice penale cinese:
Articolo 300:
Chiunque organizzi o utilizzi sette superstiziose o società segrete od organizzazioni religiose malvagie, o usi la superstizione feudale per indebolire l'applicazione delle leggi statali o dei regolamenti amministrativi, sarà condannato a una pena detentiva a tempo determinato di non meno di tre anni e non più di sette anni. Se le circostanze sono particolarmente gravi, l'autore del reato sarà condannato a una pena detentiva di durata non inferiore a sette anni.
Chiunque organizzi o utilizzi sette superstiziose o società segrete o organizzazioni religiose malvagie, o usi la superstizione feudale per ingannare un'altra persona e causare la morte della persona, sarà punita secondo le disposizioni del paragrafo precedente.
Chiunque organizzi o usi sette superstiziose o società segrete od organizzazioni religiose malvagie, o usi la superstizione feudale per violentare una donna o per frodare la proprietà, sarà decretato un crimine e punito rispettivamente secondo le disposizioni dell'articolo 236 e dell'articolo 266 della presente legge.

Commenti

  1. è come la politica americana ..interviene in quei paesi dove ce il petrolio in quel caso ce il popolo di serie A ......la WT guarda dove ci sono i suoi immobili...e fa la stessa cosa con i suoi fedeli.

    RispondiElimina
  2. Al di là del fatto che una persecuzione giudiziaria di una credenza religiosa per motivi politici è sempre un'arma sbagliata (sia umanamente che politicamente visto che alimenta, tra le altre cose, il mito dei martiri) sfido molti critici del culto WTS che scrivono su questo blog a stigmatizzare la sostanza di questo comma del citato articolo 300 del codice penale della RPC:

    "Chiunque organizzi o utilizzi sette superstiziose o società segrete o organizzazioni religiose malvagie, o usi la superstizione feudale per ingannare un'altra persona e causare la morte della persona, sarà punita secondo le disposizioni del paragrafo precedente."

    Al di là dell'entità della pena, quanti vorrebbero che un disposto del genere fosse presente anche nel codice penale italiano per fermare la WTS? Pensiamo all'ostracismo o alle morti 8o rischio di morte) per divieto delle trasfusioni applicato anche a minori e neonati....

    Virginio F.


    RispondiElimina
    Risposte


    1. Direi che la situazione russa e diversa da quella cinese dove non siamo mai stati riconosciuti, forse in alcune regioni tollerati ma comunque l'attività svolta glandestinamente.
      Detto questo immagino che la libertà di professare la propria religione e pensiero sia una conquista recente delle nazioni liberali, di solito quando la libertà delle minoranze è minacciata è a rischio anche quella di tutti gli altri.
      Poi che i tdG pretendono la libertà di esprimersi ma non la concedono ai suoi adepti è una questione interna che andrebbe risolta concedendo tale libertà a chi la desidera senza ostracismo, questo sarebbe un atto di civiltà e di amore non coercitivo.

      Elimina
    2. Gatto di Schroedinger10 luglio 2019 14:38

      un eventuale bando nei confronti della WTS non penso avrebbe il risultato di ripulire le congregazioni. Avrebbe un effetto polarizzante, come poi occorso in Russia. Certo parecchi se ne andrebbero (in Russia nei 2-3 anni successivi al bando cubarono circa un -10% anche per via dell'emigrazione) ma quelli che resterebbero andrebbero incontro a fenomeni di ulteriore radicalizzazione finendo con avere atteggiamenti ancora più oltranzisti e dando luogo ad un muro contro muro con le autorità.
      Spiace dirlo, ma spesso la persecuzione fornisce quel senso di coerenza rispetto a ciò che fai che rischia di sgretolarsi invece in chi ha tempo per pensare.
      Ho visto parecchi fratelli irrigidire ancora di più la propria posizione di zelota pasdaran non appena le cose iniziavano ad andargli a sfascio convincendosi di un "Dio è con me, doveva andare così, va così perché sono nel giusto"
      I TdG sono in maggiore difficoltà proprio nella vecchia Europa dove la "religione urlata" non interessa più a nessuno ne tantomeno le contrapposizioni basate su di esse.
      Qui ormai la curva di crescita ha passato il punto di flesso e successivamente lo ha fatto anche la tendenza alla stagnazione in favore di una tendenza declinante, per ora parzialmente mascherata dai flussi migratori
      Il TDG medio prende la sua linfa più dalle contrapposizioni verso il mondo esterno che dall'amore; è un senso d'appartenenza in stile "ultras" da stadio: non meniamo le mani ma in diversi aspetti ideologici è presente un simile livello di violenza anche se più in forma passivo-aggressiva

      Elimina
  3. Lo stesso criterio di legge se fosse utilizzato in altri paesi inclusa l'Italia, non ci sarebbe più un testimone in giro. Quando poi una religione è legata ad un partito le cose peggiorano. Dobbiamo partire dal presupposto che nessuna religione dovrebbe influenzarne un'altra, perchè hanno gli stessi doveri e diritti davanti alla legge. Attaccare altre religioni per fare preferire la propria in realtà è un abuso, specie se si cerca di screditarne quella ufficiale di un paese per privilegiare la propria. In Italia fino adesso la Chiesa Cattolica tollera questa situazione, ma ricordiamoci che è la Prima Chiesa ed è uno Stato a tutti gli effetti. Basterebbe un nonnulla per schiacciare questa setta irriverente e presuntuosa.

    RispondiElimina
  4. La notizia è purtroppo stata rubata da un altro sito senza nemmeno dargli credito. Cmq sia se la sono cercata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. # Tommaso

      "...che i tdG pretendono la libertà di esprimersi ma non la concedono ai suoi adepti è una questione interna che andrebbe risolta concedendo tale libertà a chi la desidera senza ostracismo"

      Ma per fare questo, bisogna che una legge di Stato obblighi in tal senso la WTS. E se lei invece disattende la legge? Se la cava lo stesso o bisogna tutelare la libertà di espressione degli adepti attraverso la minaccia legale di una persecuzione giudiziaria verso la WTS? Come vedi, per garantire un diritto soggettivo bisogna che chi non ne permette l'esercizio sia perseguibile penalmente per legge. E in questo caso la WTS urlerà di nuovo alla persecuzione o alla discriminazione... Se non si inquadra il problema in questo modo realistico e pratico esso resta evanescente.

      Virginio F.

      Elimina
    2. Sono d'accordo con te Virgino F., volevo farti notare però che le implicazioni sono molto più complesse di quelle che discutiamo sui vari blog.

      1) la costituzione protegge la libertà di culto l’unico limite che l’art. 19 della Cost. pone all’esercizio della libertà religiosa è rappresentato dal divieto di riti contrari al buon costume che sono quei riti che pevalentemente offendono il pudore sessuale, la libertà sessuale ed il sentimento morale. E non credo che l'ostracismo rientri in questo ambito.

      2) un'evuntuale legge che modifichi la costituzione avrebbe implicazioni politiche, l'ostracismo nacque nella culla della democrazia l'antica Grecia e serviva a isolare gli oppositori politici, corrisponde al più moderno esilio, pensa a Bettino Craxi costretto all'esilio in Tunisia.

      3) i nostri politici lega e 5 stelle hanno ben altri problemi da discutere in parlamento che andare a discutere le regole di una minoranza religiosa.

      È per questo che utopisticamente ho fatto il commento che tu hai citato.

      Elimina
    3. Caro Tommaso, sul caso Craxi non credo proprio - neanche ironicamente - si possa parlare di ostracismo. Il passaggio dalla "prima" alla "seconda" Repubblica italiana è stato una resa dei conti all'interno del vecchio apparato politico-governativo democristiano (e relativi alleati) dove il Bettin Fuggiasco è risultato la più facile vittima sacrificale che come un parafulmine concentrasse su di lui la fine di un'ingegneria governativa. Sui temi e tempi di eventuali discussioni parlamentari quello del "hanno altro cui pensare" era (ed è tuttora) un vecchio adagio delle tattiche della teoburocrazia CCTdG per coprire le magagne e mettere a tacere le denunce. In realtà, quello che manca per un interessamento parlamentare è un caso mediatico che faccia notizia da headlines.

      Virginio F.

      Elimina
  5. La chiesa se vuole li fa sparire in un secondo. Non interviene e questo fa rabbia non si spiega il motivo. Andrea m

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Andrea m,
      evidentemente i loro amici comuni (politici) per non avere problemi diplomatici con gli americani , fungono da arbitri, mantenendo buona buonina la chiesa cattolica che fa buon viso a cattivo gioco.
      Ai cattolici conviene accontentare gli amici politici per non perdere i privilegi conquistati , di cui uno di questi è l'8×1000, ........
      È tutto frutto di compromessi, e la WTS lo sa benissiamo perciò agisce calpestando i diritti di chi sta dentro (mah ! contenti loro!), e di chi
      non accetta di essergli sottomesso e ubbidiente con la fuoriuscita dall'ass.-org..

      Elimina
  6. La chiesa è la prima responsabile della crescita di culti alternativi in generale nel mondo sempre attaccata dai tdg che mettevano in luce le magagne del cattolicesimo e lei oggi potrebbe vendicarsi con tutto quello che si sa sui pedofili in wts e invece che fa il papa parla di migranti, quanto è assurda questa cosa, capite perché non uscirà fuori mai nulla!!! Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vi sorge il dubbio che, forse, al Vatikano la presenza della WTS non sta poi così male? In fondo, essa è un freno al passaggio dal cattolicesimo all'ateismo/agnosticismo, o comunque alla lotta (civile e politica) contro il cattolicesimo di Stato: quanti TdG ex cattolici si sono sbattezzati togliendosi così dall'essere considerati cattolici anche ai fini civilistici? Perchè la CCTdG non ha mai fatto una campagna in tal senso e preferisce che i suoi ex trinitarisi-papisti risultino ancora cattolici ai fini della contabilità confessionale rilevata anche in sede ministeriale e come tali, in teoria, possibili soggetti di sentenze dei tribunali diocensani? Ci avete mai pensato? Infatti verrebbe da chiedersi anche come mai il Vatikano non li scomunichi per....apostasia!E ancora: come mai la CCTdG accetta che suoi associati impiegati come personale civile presso le Forze Armate siano considerati nella circoscrizione spirituale cattolica dell'ordinariato militare? O che siano considerati istituzionalmente benedetti dai santi cattolici protettori dei corpi militarizzati dello Stato italiano? Per non parlare del silenzio della CCTdG rispetto l'esposizione del crocefisso negli edifici pubblici incluse le aule giudiziarie o i seggi elettorali, in contraddizione con i disposti della Corte Costituzionale ma soprattutto in ottemperanza ad una circolare mussoliniana che quindi ha ancora più forza giuridica di una Costituzione repubblicana che si dice "antifascista e laica".
      Solo alcune domandine va mò là.....Fratelo Farneti, grande Artigiano di terra emiliana e repubblicana, dacci una luce!....


      Virginio F.


      Elimina
  7. La watchtower ormai da troppo tempo è presa d'assalto dalle critiche sul suo stato economico poco trasparente. Non solo in Cina ma anche in altri paesi come il Messico (vedi Proclamatori alla voce Messico), la società mira ai suoi interessi immobiliari. È noto che la WTS fa tutto quello che è in suo potere pur di conservare e proteggere i propri beni immobiliari. In Messico in passato, forse anche al presente, è scesa a compromessi con le autorità modificando gli scopi del suo ente da religioso ad altro, per non perdere appunto le sue proprietà. Quindi, come si è ben detto in questo blog, la WTS non ha alcun interesse a far rilevare notizie di attacco ai tdg, perchè il suo reale interesse è un altro. Dalle stalle... alle fogne!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia il tuo commento, se lo lasci in modalità anonima ricorda di mettere un nickname :-)