COMMISSIONE REALE DELLA NUOVA ZELANDA!


In Nuova Zelanda è iniziata la raccolta delle esperienze delle vittime di abuso sessuale su minore. Il 6 giugno sul sito ufficiale è stato pubblicato quanto tradotto di seguito. In fondo si allega anche la time line ufficiale dettata dallo stesso sito della Commissione Reale della Nuova Zelanda.
Un abbraccio affettuoso
Eliseo.
_____________
I sopravvissuti iniziano a condividere esperienze di abuso
I sopravvissuti agli abusi nelle istituzioni statali e religiose hanno iniziato a condividere le loro esperienze con i commissari in sessioni private.
Le sessioni private consentono ai sopravvissuti di condividere le loro esperienze e memorie con i singoli Commissari.
Queste prime sessioni vengono anche utilizzate per ottenere feedback su contenuti e processi, logistica, posizione, comunicazioni e supporto per migliorare lo svolgimento delle sessioni.
Ad oggi, più di 70 sopravvissuti - che si erano pre-registrati con la Commissione reale - hanno parlato con i commissari. Le sessioni si sono svolte ad Auckland, Hamilton, Wellington e Christchurch.
Il commissario Ali'imuamua Sandra Alofivae afferma che le sessioni sono la prima opportunità che molte persone avranno per condividere con le loro esperienze di abuso.
"Sappiamo che questo processo può essere traumatizzante; stiamo facendo tutto il possibile per renderlo il più semplice possibile per i sopravvissuti.
"I sopravvissuti possono cambiare idea in qualsiasi momento, o ritirare il loro consenso alle informazioni fornite dalla Royal Commission.
"I professionisti del benessere sono disponibili per i sopravvissuti sia prima che dopo le sessioni private, e se necessario sono disponibili ulteriori consulenze e altro supporto", afferma.
Sandra Alofivae afferma che le sessioni continueranno per tutta la durata dell'Inquiry e le registrazioni saranno prese per un certo numero di anni.
"Abbiamo in programma di impegnarci con molte comunità diverse, comprese quelle che sono difficili da raggiungere, come i sopravvissuti con disabilità, i membri delle bande e quelli in carcere.
"Il primo passo per coloro che desiderano condividere le loro esperienze di abuso è contattare la Royal Commission telefonando al nostro Contact Center (0800) 222 727o pre-registrandosi sul nostro sito web: http://abuseincare.org.nz."
La Royal Commission darà la priorità a quelli che sono più vecchi o malati e che vogliono condividere le proprie esperienze.
"La nostra priorità è verso i sopravvissuti e garantire che siano in grado di condividere le loro esperienze di abuso con la Royal Commission nel modo più efficace", dice.
Time line
  • Costituzione della Royal Commission of Inquiry
  • Consultazione sul (Bozza) Termini di riferimento
  • Termini di riferimento annunciati, nominati Commissari
  • I commissari iniziano il lavoro
  • Iniziano i primi impegni
  • Riunioni iniziali della Commissione
  • Rilasciato l’avviso sulla conservazione dei documenti 
  • Nuova politica - Conflitto di interessi
  • Nuova politica - Trattato di Waitangi
  • Annunciati i Membri del Gruppo di Consulenza per i Sopravvissuti 
Prossime
  • Iniziano le sessioni private
  • Iniziano le udienze pubbliche
  • Primo rapporto al governo
  • Relazione finale al governo



Commenti

  1. Finita l Australia ne comincia un altra e così via pozzo senza fine... Saulo

    RispondiElimina
  2. I TdG sono circa 15.000 in Nuova Zelanda rispetto ai quasi 70.000 in Australia. Vediamo cosa verrà fuori da questa commissione ma sicuramente i numeri saranno molto più bassi. Sarà comunque interessante che fosse stabilito una volta per tutte che il modo in cui vengono gestiti gli abusi è uguale e identico all'Australia togliendo così ogni dubbio, per chi ancora ne avesse, che il problema più che degli anziani (che cmq hanno le loro colpe) parte da New York.

    RispondiElimina
  3. Certo lo diciamo da anni il pesce puzza dalla testa, le direttive sono del corpo direttivo /wts. Parte tutto da lì. Dario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sappiamo bene Dario ma il problema è che è la linea di difesa scelta dall'organizzazione stessa! Loro stessi in Australia hanno cercato di dimostrare che New York non c'entrava nulla e solo grazie a John Redwood che ha fornito il manuale della filiale la commissione ha potuto interrogare Jackson. Se venisse dimostrata legalmente la stessa cosa non ci saranno più scuse che tengano in nessun altro paese.

      Elimina
  4. Gli eight wonder andranno al ballottaggio per decidere chi di loro dovrà metterci la faccia questa volta
    Un tdg padre di un ragazzino di 13 anni mi ha detto che questo problema non gli tocca perchè a detta sua: tutti sbagliano, quindi anche i tdg...
    Quindi fintanto che rimangono sotto anestesia non apriranno le orecchie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lupo Solitario8 giugno 2019 14:42

      W gli eight wonder e w patsy kensit !

      Elimina
  5. finchè basiamo la nostra fede su un libro di leggende come la bibbia e simili non ne usciamo più...

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia il tuo commento, se lo lasci in modalità anonima ricorda di mettere un nickname :-)